Il nostro Blog

  • Home / Generale / Come vendere i…
vendere corsi online

Come vendere i tuoi corsi online

La scelta della piattaforma e-learning è fondamentale in riferimento a come vendere i tuoi corsi online. Prima di indicarti le dritte per centrare questo scopo, parti dall’assunto che creare i tuoi corsi formativi è una sfida avvincente che non si conclude qui. Per avere successo nel campo dell’e-learning, devi essere in grado di promozionarli e di venderli a regola d’arte. Pertanto, senza la piattaforma giusta, si restringono le chance di andare incontro al successo.

Boom dei corsi online in Italia

Anche in Italia si registra da un quinquennio un incremento della domanda dei corsi online.
Il mercato del lavoro richiede professionisti specializzati. Le università assicurano a volte percorsi più teorici che pratici. Ecco spiegata la motivazione per cui molti studenti universitari, a conclusione del percorso di studi, non arrivano preparati nel mondo del lavoro. I corsi online da seguire sulle piattaforme e-learning rappresentano una svolta.

Anche i freelance, desiderosi di aumentare il loro parco clienti, sanno che l’aggiornamento è importante e che i corsi online formativi risultano il modo più efficace per migliorarsi.

dipendenti del settore pubblico e di quello privato, per fare carriera, devono acquisire nuove competenze. Non avendo molto tempo a disposizione, la formazione a distanza rappresenta un’opportunità.

Sempre più pensionati e casalinghe considerano l’offerta formativa online: i videotutorial semplificano l’apprendimento di nuove competenze che a volte fanno da apripista ad un passatempo o all’apertura di un’attività.

Il tuo ruolo di formatore online

Se da formatore online vedi in uno dei seguenti target, quello di tuo riferimento, comprenderai che le potenzialità per avere successo ci sono tutte. Scegliendo la piattaforma e-learning appropriata, puoi massimizzare i risultati. Il livello competitivo nei corsi online è aumentato. La domanda è in crescita proprio come l’offerta: manager, liberi professionisti, professori universitari, poliglotti, pionieri in settori inesplorati, avendo competenze specifiche, si mettono in gioco. realizzando il loro corso online, pronto per essere venduto.

Non sempre, però, il successo passa dalla qualità effettive delle competenze trasmesse. Di corsi ben strutturati ce ne sono tanti. Sono purtroppo in pochi, quelli che ottengono la meritata visibilità. Per mettere al servizio del maggior numero possibile di acquirenti i contenuti da te presentati nel corso, ci vogliono degli accorgimenti.

La scelta della piattaforma per vendere i tuoi corsi online

Nell’e-learning è fondamentale scegliere il miglior LMS (Learning Management System). Learning Objects ha tutte le carte in regola perché dispone di tutti i tool per realizzare, ospitare e distribuire le tue lezioni online. La semplicità dell’interfaccia è un valore aggiunto per l’end-user.

Learning Object: cos’è?

Trattasi dell’opportunità di riutilizzare materiale digitale sullo stesso argomento o su uno complementare, per quanto riguarda un programma di apprendimento a livello di e-learning: modularità, reperibilità e interoperabilità sono i suoi valori cardine.

  • La modularità è indispensabile nella formazione a distanza, perché consente di strutturare al meglio i contenuti sulla base degli obiettivi formativi. Gli oggetti didattici possono essere nuovamente impiegati per la presentazione di corsi di formazione, se riesci a modularne i contenuti.

  • La reperibilità è utile per identificare lo spazio fisico dove è avvenuto l’immagazzinamento dei learning objects. Per fare questo, si ricorre al set di metadati, in quanto sarà deputato a catalogare la gamma delle risorse in maniera completa, tenendo ovviamente conto di specifici parametri decisi a monte. I metadati hanno il ruolo di rendere reperibili i learning objects, presenti nelle repository. Lo scopo degli archivi digitali, infatti, è quello di classificare gli oggetti didattici in relazione ai parametri di catalogazione dei metadati.
  • L’interoperabilità favorisce l’impiego dei learning objects su svariate piattaforme, deputate all’erogazione di contenuti didattici allo scopo di semplificare lo scambio dei contenuti digitali.

Piattaforma FAD: di cosa si tratta?

Della scelta del portale web, in grado di combinare varie tecnologie, utili per fruizione dei contenuti dei materiali di didattici.

Si parla di teledidattica: per via della sua flessibilità, viene vista come il completamento delle lezioni in aula.

In qualità di formatore, sta a te scegliere se è il caso di optare per soluzioni freeware o se è meglio puntare su piattaforme a pagamento.

Learning Objects, la piattaforma perfetta per definire il tuo e-learning

Nell’apprendimento online, la nostra piattaforma è Learning Objects. Le aziende la apprezzano, in quanto consente la creazione di una Academy strutturata attorno alla formazione dei dipendenti. La gestione dei corsi e il caricamento dei documenti e dei video avviene in modalità protetta. I quiz certificano le competenze acquisite.

Il contesto di questa piattaforma e-learning, però, non è solo quello aziendale, visto che è in uso presso diversi istituti scolastici. I docenti hanno l’opportunità di organizzare i contenuti per argomento e in base al livello di difficoltà.

Se cerchi una piattaforma per la formazione a distanza, Learning Objects è il top: è in italiano e ti consente di creare un ambiente incentrato su affidabilità, personalizzazione e sicurezza, nel momento in cui eroghi i corsi online, i certificati e i documenti.

Gestione degli oggetti didattici

Quando ti accingi a preparare un corso di e-learning, valuta se sono presenti materiali che possono essere nuovamente impiegati in altri corsi online. Dovrai pertanto differenziarli dai contenuti prodotti ex novo.
Riutilizzare l’e-learning object in un corso online diventa fattibile solo se il materiale è di semplice comprensione per gli iscritti. Effettua le valutazioni del caso e se sei dell’idea che possa portare valore aggiunto a chi prenderà parte al tuo corso formativo a distanza, non esitare a puntarci. Lavoraci su e adattalo al contesto, affinché il successo sia assicurato e ricordati che il tuo obiettivo è vendere i tuoi corsi online.

La scelta del sistema cloud storage

Come aspetto tecnico, buona parte del successo nel comparto in questione passa dalla piattaforma FAD e da quella di e-learning.

Grande organizzazione

Una “macchina organizzativa” ben progettata si dimostra un’arma in più nella vendita dei corsi online. I portali di video sharing, i social network e i software gestionali basati sul sistema Kanban sono utilissimi.

Efficacia dell’immagine

I contenuti grafici che realizzerai devono assicurare un colpo d’occhio di tutto rispetto e un impatto emotivo considerevole, se provi a differenziarti dalla concorrenza.

Funnel di vendita

Nei corsi online, l’approccio alla canalizzazione delle vendite è una delle soluzioni più diffuse per massimizzare i guadagni. Invece che puntare tutto e in modo diretto sull’acquisto del corso formativo da parte del diretto interessato, andrai a centellinare la conversione. Quello che inizialmente è solo un utente, prima diventerà un cliente potenziale e poi un acquirente effettivo. Starà a te guidarlo con mano, stimolare l’interazione, capire la sua opinione sull’argomento delle tue lezioni, presentargli dei sondaggi e proporgli in esclusiva dei contenuti gratuiti.

Offerte pro tempore, tipo “scarica gratis oggi la prima lezione” oppure “sconto per te del 20% sul corso se lo acquisti nelle prossime 24 ore” contribuiscono a rilasciare un alone positivo nella mente del diretto interessato che, sentendosi “coccolato”, capirà i benefici del corso e lo acquisterà.
Conditio sine qua non è che l’offerta sia realmente pro tempore, perché ripresentarla senza modifiche dopo una settimana, fa perdere di credibilità al formatore online.

Un assaggio a costo zero

Nel ramo dell’e-learning, molti formatori pubblicano l’anteprima dei video formativi, disponibili gratis sui portali di video sharing. Che sia una prima lezione introduttiva oppure la spiegazione di un contenuto o il 5% di un modulo del corso online, devi far capire al tuo target di riferimento le tue skill. Oltre al formato video, anche la trascrizione di una parte minima dei contenuti del corso può rivelarsi utile, affinché i blog del tuo settore e i profili social degli esperti ne parlino. Grazie all’ottenimento di backlink di valore e ad una strategia di SEO mirata, la reputazione del tuo corso online ne gioverà.

Conclusioni

Queste strategie su come vendere i tuoi corsi online sono foriere di ottimi risultati. La scelta della piattaforma elearning è però decisiva per il successo. Occhio a quella su cui decidi di puntare.

Se vuoi scoprire di più sulla nostra piattaforma di eLearning clicca qui sotto.